Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 01/10/2020, 20:50



Rispondi all’argomento  [ 20 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
 Prestazioni di archi storici 
Autore Messaggio

Iscritto il: 20/04/2013, 21:58
Messaggi: 163
Ho appena finito di costruire il mio primo longbow di Tasso, (un esperienza eccezionale...:) ). Misura 57 libbre a 27 pollici di allungo, è lungo complessivamente 180 cm.
Prima di effettuare le prove col cronotachigrafo, ho utilizzato un programmino che ha ideato il mio maestro d'arco con Excel. Nel programma ci sono tutti i dati dell'arciere e l'ipotetica uscita della freccia con un dispendio del 15% in fattori vari. Vi mostro cosa mi dice il programma premettendo che la lunghezza delle mie braccia è di 173,50, il maestro ha calcolato un allungo di 25.19 pollici, il programma a questo punto mi dice che sfrutto l'arco a 53,17 libbre :
Lunghezza freccia 70 cm
(la mia freccia con cui ho fatto il test ha penne da 5 pollici, punta quadrella da 100 grani) Peso freccia complessivo 29.7 grammi
Forza arco in kg 24,09
A questo punto sempre con la sottrazione del 15% il programma mi dice che la freccia dovrebbe uscire a 228 km h, fin qui tutto ok, ora le prove col cronotachigrafo hanno registrato l uscita della freccia a 152 km h con un dispendio del 43%, il programma a questo punto mi dice che le imperfezioni dell'arciere sono molto alte .....E CI CREDO!!! :)
Ho studiato la cosa e ho pensato che questo programma è stato concepito per gli archi tradizionali in fibra e quindi con un dispendio minimo da parte di vari fattori.
Gli archi storici hanno un maggiore peso rispetto ai tradizionali, penso che i fattori che influiscano siano in percentuale maggiore magari di un 30%......Infatti facendo i calcoli con un errore del 30% riporta
Che ne pensate voi?


23/05/2013, 20:09
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 13/12/2010, 18:13
Messaggi: 2399
Località: Genova - Prata Veituriorum
Che la fibra di vetro è stata tanta manna da papà Fred (Bear) in avanti... (era stato lui il primo?? so che aveva tanti brevetti ...) :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: ...

Ah... non per mettere dubbi ma, l'allungo di solito lo misuro con un arco leggero e la freccia graduata .... dopo che ti sei stabilizzato(Il che significa dopo 3-4 mesi che tiri dopo la fine del corso.... (e quello lo prendi come tuo allungo "fisiologico").
Poi, se vuoi farti quattro risate, prendi un arco un pò più potente e lo misuri di nuovo...

COn questo giochino, ormai qualche annetto fa, ho dovuto... fare la prolunga alla faretra.... (avevo tagliato le frecce con l'arco nuovo... poi mi ci sono abituato ed ho dovuto allungare tanto le frecce che..... uscivano in modo molto antiestetico Hi Hi HI )

Ciao
Luca


23/05/2013, 23:24
Profilo WWW
Avatar utente

Iscritto il: 17/03/2011, 0:24
Messaggi: 2020
Località: tra l'oglio ed il chiese
Salve a tutti,
ciao Saraceno; io sarei propenso a diffidare da allunghi che spuntano da calcoli teorici in base alla misura della lunghezza delle braccia estese, per i fatto che pur assommando a X la lunghezza misurata bisogna tener conto della misura del tronco da spalla a spalla, tener conto della lunghezza del braccio o dell'avambraccio che variano da individuo a individuo, pur potendo essere la stessa la distanza misurata. Meglio misurarlo praticamente, come giustamente dice Luca, con un arco di bassa potenza se ancora non si è abili alla tensione di un arco sostenuto.
Altra cosa, molto importante, è il fattore sgancio che se non liscio e pulito può apportare variabili incisive alla velocità della freccia: ne avevamo parlato qui: viewtopic.php?f=37&t=1282
Per poter misurare le prestazioni di un arco a sè, senza tener conto del fattore umano, dovresti effettuare delle prove con una "shooting machine" che potresti autocostruirti: http://www.dickwightman.com/archeryacti ... chine.html
così potresti misurare con precisione qual'è l'errore indotto.
Un saluto da Raff


25/05/2013, 0:34
Profilo

Iscritto il: 20/04/2013, 21:58
Messaggi: 163
Ciao ragazzi,
prima di tutto grazie per le risposte, seconda cosa avete ragione per quanto riguarda l'allungo, mi spiego.
A inizio corso il maestro ci fece, ora che ricordo il test con l'asta graduata sia con l'arco scuola che con il personale, ma come dite voi meglio ripeterli ora che sto acquisendo meglio la tecnica.
Vi fornisco i dati:
con arco scuola 25.98
con il mio arco 25.19
Inoltre provvederò subito alla costruzione del progetto che mi sembra una cosa validissima, vi farò sapere non appena ho costruito il tutto, intanto grazie mille.


25/05/2013, 16:27
Profilo

Iscritto il: 26/02/2011, 11:43
Messaggi: 2666
Artiglio d'orso disse a Jeremiah Jonhson: dimentica tutto cio che hai appreso laggiù , qui non ti servirà.

secondo me il bello dell'arceria storica sta nel fare tabula rasa ed essere pronti a crescere insieme ai propri manufatti , c'è molto da esplorare e molto da riscoprire.

sulle prestazioni in termini di precisione forse hanno ragione i moderni ma in termini di potenza e balistica terminale gli antichi la sapevano più lunga di sicuro.


27/05/2013, 22:05
Profilo

Iscritto il: 20/04/2013, 21:58
Messaggi: 163
Ciao bac
Concordo con te l arcieria e soprattutto quella storica è un mondo eccezionale tutta da sperimentare e gli antichi la sapevano molto lunga ahah:)


27/05/2013, 22:21
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 17/12/2010, 17:48
Messaggi: 266
Località: Mvtina
Concordo in toto con il pensiero di Bac :P


11/06/2013, 20:58
Profilo

Iscritto il: 27/03/2013, 18:08
Messaggi: 10
Ciao a tutti, ho un quesito e spero di inserirlo nel post corretto.
Oggi ho fatto un percorso di sagome 3d, io uso un long bow in olmo con lamina di Hickory in trazione autocostruito con 73 pollici di lunghezza e 45 libbre di potenza a 28" di allungo, ho realizzato delle frecce in cedro da 11/32 con penne da 5" elicoidali e punta da 100 grani ma sulle lunghe distanze devo parabolare da matti per centrare il bersaglio.
Mentre lui con un longbow industriale con finestra di tiro 48 libbre usa frecce 5/16 con penne da 4" impennate dritte e punta da 60 grani !!!! che ho provato e parabolano niente.
Domanda ma se le uso io si rovina l'arco? visto che il mio è in legno vero?
grazie per l'aiuto.


16/06/2013, 21:01
Profilo

Iscritto il: 26/02/2011, 11:43
Messaggi: 2666
nell'antichità spesso si usavano due o più tipi di freccia ,lunghe e pesanti per bersagli ravvicinati corte e leggere per i tiri in lungo, se scavi nel forum troverai anche prove immortalate da i pittori del tempo. in particolare i coreani tuttora usano frecce da 90 cm e frecce da 45 cm tirate per mezzo di overdraw o solenarion che permette di raddoppiare la gittata ossia rettificare la parabola.

in merito ai tuoi dubbi sulla tenuta dell'arco però non saprei che dirti .


16/06/2013, 22:15
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 13/12/2010, 18:13
Messaggi: 2399
Località: Genova - Prata Veituriorum
tieni presente che il LB, seppur industriale, ha la fibra di vetro che ti "moltiplica" le prestazioni (ad occhio di 1.3 ... in alcuni casi sfigati - sfigati per l'arco storico....- di 1.5 ) .
Se è per raddrizzare la parabola ti direi... compra un LB moderno ;) ...
In alternativa.. penne dritte avvantaggiano, punta leggera mica tanto (ti avvantaggia sulle medie distanze... se devi andare "lontano" (sulle gare FIARC, penso che si tratti di questo, oltre i 40m...) ad un certo punto "cadono"...
Ciao
Luca


17/06/2013, 13:43
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 20 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010