Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 14/04/2021, 21:20



Rispondi all’argomento  [ 36 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
 Primo Frassino 
Autore Messaggio
Avatar utente

Iscritto il: 17/03/2011, 0:24
Messaggi: 2033
Località: tra l'oglio ed il chiese
Ciao Ismaele,
Ismaele ha scritto:
l' unica cosa che mi preoccupa a questo punto, è che il flettente superiore segue un poco la corda!
Forse è dovuto al fatto che soltanto ieri l'ho raddrizzato con il vapore, è deve ancora perdere l'umidità assorbita!
Oppure spotrebbero essere i nodi, che lo indeboliscoco!?.....

I nodi tendono, anzi rendono più rigido il flettente.
IL fatto che tu hai piegato/raddrizzato a vapore e il giorno dopo hai provato a tendere o far flettere l'arco non gioca a favore; il semplice fatto che durante il riscaldamento a vapore il legno assorbe umidità, perdendo così parte delle caratteristiche che aveva prima del riscaldamento, fa sì che risulta più elastico e meno resistente alla compressione.
Al prossimo raddrizzamento o piega ricordati di aspettare 10-15 giorni prima di flettere o tendere.
Tieni presente che l'umidità idonea nel legno di in un arco dovrebbe essere tra 8 e il 10 %; valori superiori sono deleteri al rendimento e durabilità; valori inferiori possono causare la rottura dei flettenti.
Ciao da Raff


15/10/2013, 1:03
Profilo

Iscritto il: 26/04/2013, 22:07
Messaggi: 50
Grazie Raff, dei consigli.
Comunque è stata una piega non importante, e quindi non l'ho scaldato tanto!

Adesso i flettenti seguono la corda in modo pressochè uguale, è caratteristica di questo legno?
O forse deve stagionare ancora? (l'ho tagliato lo scorso febbraio)

Dopo aver tolto il libro e finito il dorso, l'arco non era per niente equilibrato!
Ho quindi rifatto l'equilibratura, perdendo, ahimè, un poco di libbre (ma essendo così lungo potrò poi recuperarle!).

Ora vedo bene che non è perfetto, ma vorrei un consiglio:
procedo affinando o conviene cominciare ad utilizzarlo così, e poi rifinirlo dopo un'eventuale assestamento?


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


15/10/2013, 15:33
Profilo

Iscritto il: 26/02/2011, 11:43
Messaggi: 2673
la corda è quella definitiva?

secondo me usalo per un po battezza il fl inferiore , quello più forte e più in la col tempo potresti accorciarlo un pollice alla volta .

il tiller non deve essere per forza simmetrico se hai una distanza minore corda-fl sull'inferiore è anche meglio.


15/10/2013, 15:46
Profilo

Iscritto il: 26/04/2013, 22:07
Messaggi: 50
bac ha scritto:
la corda è quella definitiva?
[/quote]

Al momento la corda è solo di prova, ma ho già pronta una corda di lino a tre trefoli 15 fili!


bac ha scritto:
... battezza il fl inferiore , quello più forte .... il tiller non deve essere per forza simmetrico se hai una distanza minore corda-fl sull'inferiore è anche meglio.


Credevo il contrario!?!
Essendo il flettente inferiore quello meno sollecitato, credevo fosse meglio battazzare quello più debole, lo stesso anche per un'eventuale asimmetria!?!


15/10/2013, 16:13
Profilo

Iscritto il: 26/02/2011, 11:43
Messaggi: 2673
Cita:
Credevo il contrario


però poi non lamentarti se la freccia è posseduta dagli spiriti maligni.


15/10/2013, 19:01
Profilo

Iscritto il: 26/04/2013, 22:07
Messaggi: 50
.... ricordo di aver letto, a proposito di un flettente con qualche problema, di destinarlo come flettente inferiore, in quanto meno sollecitato.
Perciò vorrei capire!
Potresti spiegarmi?


16/10/2013, 11:29
Profilo

Iscritto il: 26/02/2011, 11:43
Messaggi: 2673
Cita:
ricordo di aver letto, a proposito di un flettente con qualche problema, di destinarlo come flettente inferiore, in quanto meno sollecitato.



basta che visualizzi uno yumi oppure un arco unno , il fl inferiore deve essere un po più carico del superiore
al limite uguale.

chiedo il parere anche di altri ma non mi risulta il contrario .

prova per credere a capovolgere un arco ci vuole poco.


16/10/2013, 13:23
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 08/06/2013, 18:24
Messaggi: 527
Confermo che il flettente inferiore e' meglio tenerlo piu' rigido.
Potete fare una prova con un arco perfettamente funzionante ed equilirato in maniera simmetrica( ambedue i flettenti equilibrati uguali).
Fate un giro per un percorso, tirate frecce per due ore , poi osservate l'equilibratura dei flettenti.
Normalmente quello inferiore risultera', flesso maggiormente, perche' e' stato sollecitato durante questo periodo, maggiormente.


02/11/2013, 9:25
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 17/03/2011, 0:24
Messaggi: 2033
Località: tra l'oglio ed il chiese
Ciao Alex,
sarebbe interessante confrontarsi qui: viewtopic.php?f=21&t=1898
Ciao da Raff


03/11/2013, 4:03
Profilo

Iscritto il: 03/12/2017, 2:08
Messaggi: 49
Anche se questo topic è caduto nel dimenticatoio sparo la mia.... credo che il flettente inferiore risulti più sollecitato in quanto "fatica di più" ... infatti ha più leva rispetto al punto di applicazione della forza, che coincide con il punto di incocco della freccia.


11/12/2018, 23:05
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 36 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Ahrefs [Bot] e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010